News
A Villa Pignatelli il Progetto Beethoven dell’Associazione Alessandro Scarlatti

NAPOLI – Venerdì 18 giugno 2021 nei giardini di Villa Pignatelli in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania, entra nel vivo il Progetto Beethoven dell’Associazione Alessandro Scarlattiesecuzione integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Ludwig van Beethoven in 10 concerti, affidata a giovani talenti campani in collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Martucci di Salerno, con il sostegno della Fondazione Emiddio Mele e con il patrocinio morale del Goethe Institut Neapel.

Nel concerto delle ore 19 Leonardo Di Luccia ci porta nell’ultimo anno del ‘700  (1799) con le Sonate della Baronessa von Braun, dedicataria delle 2 Sonate op. 14, e  Giovanna Basile si misura con due grandi Sonate come la Patetica e l’Appassionata. Alle ore 21 altra sfilata di grandi capolavori come la Sonata quasi una fantasia e la Sonata Chiaro di Luna, rispettivamente op. 27 n.1 e n.2, eseguiti da Lorenzo Ginetti; chiude il concerto Gianluca Buonocore con la Sonata op.22.

Il Progetto Beethoven è stato reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Emiddio Mele, che è stata a fianco della Associazione Alessandro Scarlatti in piena sintonia di intenti nel sostenere la cultura e la bellezza affidandola ai giovani, dimostrando allo stesso tempo amore per il passato e cura per futuro, soprattutto per chi si trova ad averlo più incerto.

La Fondazione Emiddio Mele nasce nel 1989 per dare continuità alle idee innovative di Emiddio e Alfonso, ideatori dei Grandi Magazzini Italiani, primo esempio di grande distribuzione in Italia. Vocazione della Fondazione, voluta dalla fondatrice Anna Maria Mele, è quella di  tramandare il tesoro delle conoscenze dell’artigianato tipico della nostra regione alle nuove generazioni, e in particolare ai giovani ospiti dell’Istituto minorile  di Nisida. Legatoria artistica, lavorazioni di coralli, carpenteria  navale con  Maestri d’Ascia, recupero di tecniche tradizionali di lavorazione della ceramica con l’ Antica Manifattura Ceramica Fratelli Stingo e l’Associazione Centro d’Arte Vietrese di Giovanna Solimene, liuteria,  lavorazione del metallo e della doratura e finitura del legno, lavorazione della roccia vulcanica verde del Monte Epomeo, sono solo alcuni dei laboratori realizzati negli anni dalla Fondazione.

Il patrimonio della Fondazione si completa con una raccolta di manifesti classificati Collezione Mele, testimonianza cartellonistica di grande pregio, portavoce di un’imprenditoria creativa, geniale e anticipatrice di tendenze.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie