Privacy Policy Buonajuto (Anci): Pnrr a rischio nel Sud, l'inflazione aumenta il divario con il Nord - Sud Notizie
News
Buonajuto (Anci): Pnrr a rischio nel Sud, l’inflazione aumenta il divario con il Nord

ERCOLANO (Na) – “Il Pnnr è a rischio nel Mezzogiorno, se non invertiamo la tendenza e acceleriamo falliremo l’obiettivo 2022 e con l’aumento dell’inflazione il divario con il Nord continua ad aumentare. Per questo bisogna ripartire subito dall’agenda Draghi”: è il grido d’allarme lanciato da Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano e vicepresidente nazionale Anci.

“Quanto emerge dalle anticipazioni del Rapporto 2022 dello Svimez è preoccupante. Ho sempre ribadito che gli Enti Locali, in particolar modo quelli del Mezzogiorno, avrebbero sofferto, se non invertiamo subito la tendenza e non acceleriamo le procedure rischiamo seriamente di non portare a casa il risultato. I dati Svimez certificano che nei comuni del Sud si impiega mediamente circa 450 giorni in più per portare a compimento la realizzazione delle infrastrutture sociali. In pratica se gli investimenti del Pnrr in infrastrutture sociali nel Sud non saranno avviati al massimo entro fine ottobre 2022 non riusciremo a chiudere il cantiere entro la conclusione del Piano previsto per agosto 2026” – spiega Buonajuto.

Per l’esponente di Italia Viva: “A questo bisogna aggiungere anche un altro aspetto preoccupante: l’aumento dell’inflazione e della crisi in Ucraina che sta avendo i suoi effetti negativi sui consumi e questo aumenta il divario Nord-Sud. Il Mezzogiorno potrebbe registrare un punto in meno di crescita. E tutto questo è stato favorito anche dall’instabilità politica. Continuare a sostenere l’agenda Draghi è prioritario per evitare il peggio”.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie