Privacy Policy Calabria Forest Project. massimizzare l'assorbimento di anidride carbonica - Sud Notizie
News

Calabria Forest Project. massimizzare l’assorbimento di anidride carbonica

CATANZARO – Calabria Verde, Ente strumentale della Regione Calabria che ha competenza, tra l’altro, sul demanio regionale forestale, è la prima realtà ad avvalersi di CO2Sink, soluzione altamente innovativa di NTT DATA per stimare in maniera accurata lo scambio di CO2 tra vegetazione e atmosfera. L’iniziativa fonde innovazione, tecnologia e la volontà di proteggere l’ambiente per massimizzare, attraverso l’intelligenza artificiale, l’assorbimento di anidride carbonica nelle aree forestali.

Implementando il metodo Eddy Covariance, che consente di quantificare con precisione lo scambio di gas serra tra gli ecosistemi e l’atmosfera, il progetto CO2Sink incrocia i dati satellitari con quelli estratti dai sensori installati nei boschi per riuscire a monitorare migliaia di ettari di foresta, e misurare in modo efficace la capacità di assorbimento della CO2 da parte delle foreste della Calabria. Questi dati costituiscono la base per la stima e la gestione dei crediti di carbonio, crediti che investitori e imprese acquistano per compensare l’emissione di anidride carbonica, trasformando così la Regione Calabria in un polmone verde, considerando che ogni credito di carbonio acquistato corrisponde a 1 tonnellata di CO2 rimossa dall’atmosfera per sempre.

“In NTT DATA siamo particolarmente orgogliosi di questo progetto, perché siamo fieri di mettere l’innovazione e la tecnologia al servizio della tutela ambientale – ha commentato Giorgio Scarpelli, CTO di NTT DATA Italia. – CO2Sink nasce da un nuovo modo di intendere l’anidride carbonica: non solo frutto dell’inquinamento atmosferico, ma risorsa e nutrimento per la vegetazione. Grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning, in NTT DATA siamo in grado di dare seguito a questa nuova visione, supportando Azienda Calabria Verde in questo innovativo percorso.”

“Il progetto CO2Sink si inserisce nell’ambito delle avviate attività che hanno come obiettivo la riqualificazione forestale dei boschi affidati in gestione ad Azienda Calabria Verde, – ha commentato il Commissario straordinario Giuseppe Oliva, – che prevedono come partenza l’installazione di stazioni di monitoraggio che possano integrarsi con infrastrutture già esistenti, ad esempio i tralicci per le telecomunicazioni. La prima installazione è avvenuta nei giorni scorsi nella foresta denominata “Parco Lardone” e consente di misurare l’assorbimento reale di CO2 su una superficie forestale di circa 5.600 ettari. Le valutazioni degli assorbimenti di carbonio, la pianificazione forestale e la gestione sostenibile dei boschi, in funzione della loro multifunzionalità e che in Calabria occupano una superficie di circa 650.000 ettari catalogando 17 tipologie forestali diverse, potranno garantire positive ricadute a livello ambientale sociale ed economico”.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie