Privacy Policy COP27: Emanuele Grimaldi interviene alla Conferenza mondiale sul clima - Sud Notizie
News
COP27: Emanuele Grimaldi interviene alla Conferenza mondiale sul clima

NAPOLI – Si è aperta presso l’International Convention Centre di Sharm el-Sheikh (Egitto) la 27a sessione della Conferenza delle parti dell’UNFCCC (Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite), o più brevemente COP27, che riunisce duecento nazioni, migliaia di delegati governativi, scienziati, rappresentanti di istituzioni internazionali e ONG.

La Conferenza, i cui lavori dureranno due settimane, ha come obiettivo quello di dare attuazione concreta all’Accordo di Parigi e agli impegni della comunità internazionale in materia climatica.

Durante l’evento di lancio della Green Shipping Challenge, tenutosi nell’ambito dei lavori della COP27, particolare risalto è stato dato all’iniziativa Clean Energy Marine Hubs, guidata da una task force di CEO internazionali, che mira ad accelerare a livello globale la produzione ed il trasporto di carburanti green. L’iniziativa è promossa da organismi internazionali tra cui l’International Chamber of Shipping (ICS), l’ente che rappresenta a livello globale le associazioni armatoriali nazionali e oltre l’80% della flotta mercantile mondiale.

In qualità di presidente dell’ICS, l’Amministratore Delegato del Gruppo Grimaldi Emanuele Grimaldi partecipa in qualità di relatore alla COP27 e, durante il suo intervento, ha evidenziato l’importanza dell’impegno di tutti gli stakeholder nell’ambito dell’iniziativa Clean Energy Marine Hubs: “Un anno è trascorso dalla COP 26 e molto si è discusso sulla produzione di idrogeno ed altri carburanti a bassa emissione di carbonio, ma poco si è detto su come realizzarla. La recente iniziativa Clean Energy Marine Hubs è perciò molto importante, perché riunisce l’intera catena del valore dell’energia al fine di garantire che la produzione, il trasporto ed il consumo di carburanti a zero emissioni diventi una realtà”.

“Decarbonizzare il trasporto marittimo e decarbonizzare il mondo intero sono due lati della stessa medaglia. Tutti gli stakeholder a livello mondiale operanti nel settore dell’energia devono collaborare per raggiungere la tanto augurata decarbonizzazione e sono lieto di constatare che ciò si ribadisce oggi qui alla COP27 di Sharm el-Sheikh”, ha aggiunto Emanuele Grimaldi.

Emanuele Grimaldi era intervenuto sul tema già la settimana scorsa a Malmö (Svezia), davanti a oltre 300 addetti del settore marittimo, durante la Graduation Ceremony della World Maritime University dell’IMO (International Maritime Organization), per la quale il Gruppo Grimaldi finanzia alcune borse di studio destinate ad operatori marittimi provenienti da paesi emergenti. In quell’occasione, aveva ribadito la convinzione che solo una soluzione globale può risolvere un problema globale e permettere di affrontare il nodo della riduzione delle emissioni di CO2 in modo migliore, più rapido ed efficace di qualsiasi soluzione regionale.

Gruppo Grimaldi

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di oltre 130 navi ed impiega circa 17.000 persone. Facente capo alla famiglia Grimaldi, il Gruppo è una multinazionale operante nella logistica, specializzata nelle operazioni di navi roll-on/roll-off, car carrier e traghetti. Comprende sette compagnie marittime, ovvero: Grimaldi Deep Sea, operante nel trasporto merci rotabili e container sulle rotte atlantiche e tra il Mediterraneo e l’Africa Occidentale; Grimaldi Euromed, specializzata nel trasporto merci rotabili in Europa e nelle Autostrade del Mare e nel trasporto passeggeri nel Mediterraneo con il brand Grimaldi Lines; Atlantic Container Line, che gestisce collegamenti container e rotabili tra Nord America e Nord Europa; Malta Motorways of the Sea, società armatoriale; Minoan Lines, gestisce servizi di cabotaggio greco per merci e passeggeri; Finnlines, operante nel trasporto merci e passeggeri nel Mar Baltico e del Nord; Trasmed GLE, attiva nel trasporto di merci e passeggeri tra la Spagna continentale e le isole Baleari.

I collegamenti marittimi sono il fulcro di una catena logistica molto più avanzata, di cui fanno parte numerosi terminal portuali e società di trasporto su strada. Gli oltre 20 terminal portuali di proprietà/gestiti dal Gruppo Grimaldi sono dislocati in 12 paesi nel mondo: Italia, Spagna, Germania, Svezia, Finlandia, Danimarca, Irlanda, Belgio, Egitto, Camerun, Nigeria, Benin. Alcuni di questi terminal sono attrezzati con capannoni e centri P.D.I. (Pre-Delivery Inspection centre) ed officine per il trattamento delle auto nuove prima della loro consegna ai concessionari.

www.grimaldi.napoli.it

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
  • Articoli correlati

    Ultime notizie