Privacy Policy Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere - Sud Notizie
News
Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere

NAPOLI – Mercoledì 27 luglio 2022 alle ore 11.00, sala Burri del Museo di Capodimonye, il Direttore Sylvain Bellenger presenterà il volume “Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere” (Paparo editore, 2022) a cura di Carmine Romano e Maria Tamajo Contarini.

Il volume, realizzato col sostegno dei fondi POC della Regione Campania, comprende il catalogo della mostra, gli atti delle giornate di studi e una sezione dedicata alla digitalizzazione delle opere conservate nei depositi di Capodimonte.

Durante l’evento saranno presentati, in anteprima, i principali progetti legati alla Digitalizzazione, una delle quattro missioni prioritarie che il Masterplan di Capodimonte, redatto nel 2017, aveva individuato assieme a quella Sociale, Patrimonio e Tutela, Botanica e Ambiente.

In linea con il Piano nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale (PND), promosso dall’Istituto per la digitalizzazione del patrimonio – Digital Library – e grazie al sostegno della Direzione dei Musei e della Regione Campania si parlerà del progetto di Digitalizzazione delle 49.000 opere d’arte delle collezioni del museo e della realizzazione dell’Inventario Unico che potrà sistematicamente ordinare i fondi e le collezioni confluiti nel museo durante gli ultimi 250 anni. Allo studio dei 120 volumi di inventari presenti negli archivi del museo, già digitalizzati e trascritti (in parte), si aggiungeranno gli 80 dell’Archivio di Stato di Napoli digitalizzati sotto la direzione di Candida Carrino. Questo consentirà di tracciare in maniera rapida e precisa la ricostruzione delle catene inventariali delle opere di Capodimonte e in un contesto più ampio, delle opere che circolavano all’interno del circuito dei Siti Reali Borbonici. Un’operazione, quella dell’Inventario Unico, che semplificherà in maniera sostanziale tutte le operazioni interne di gestione delle collezioni esposte e di quelle nei depositi, spazi che nel futuro prossimo del museo saranno resi visitabili, tecnologicamente avanzati e che assomiglieranno sempre di più all’estensione degli allestimenti museali, luoghi di conoscenza, di studio e di valorizzazione.

Nell’ambito del progetto in corso, saranno presentati il progetto di una sala deposito sotterranea a tecnologia avanzata e visitabile e la strategia digitale complessiva che includerà una nuova proposta di servizi digitali per il pubblico relativi all’accoglienza, all’orientamento e alla fruizione delle offerte culturali del museo, con didascalie aumentate e proposte innovative nella didattica per bambini.

Si parlerà anche della creazione, al momento in fase di completamento in uno degli edifici presenti nel Real Bosco di Capodimonte, denominato Casa Colletta, di un presidio dell’Università di Napoli Federico II gestito in modo congiunto col Museo e il Ministero delle Cultura, finalizzato allo sviluppo di nuove professionalità basate sulle tecnologie digitali per patrimoni culturali e ambientali per lo sviluppo di tecnologie innovative legate al patrimonio artistico, architettonico e botanico/forestale.

Interverranno:

  • Sylvain Bellenger, Direttore Generale del Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Massimo Osanna, Direttore Generale dei Musei
  • Patrizia Boldoni e Rosanna Romano per la Regione Campania
  • Giorgio Ventre, Direttore Scientifico della Apple Developer Academy
  • Pietro Nunziante, Docente di Design dell’Università di Napoli Federico II
  • Jelena Jovanovic, Direttore Generale Magister Art
  • Giovanni Pescarmona, Digital Humanist alla Digital Library
  • Maria Tamajo Contarini, Curatrice e Responsabile Depositi del Museo e Real Bosco di Capodimonte
  • Carmine Romano, Responsabile Digitalizzazione e Direttore del Catalogo digitale delle opere del Museo e Real Bosco di Capodimonte

 

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
  • Articoli correlati

    Ultime notizie