Privacy Policy Due anni almeno, storia di una pandemia emotiva nelle foto di Margherita Rossi - Sud Notizie
News
Due anni almeno, storia di una pandemia emotiva nelle foto di Margherita Rossi

BENEVENTO – Sabato 12 novembre alle ore 18:00 presso la galleria di arte contemporanea #apis+, inaugurazione della mostra fotografica “Due anni almeno” di Margherita Rossi, allieva dell’artista Marco Victor Romano, fondatore della galleria e curatore dell’esposizione.

Viaggio immobile nel nulla apparente di case, cose e luoghi interni dell’animo, in uno stato di sospensione durante una pandemia mondiale o in nient’altro che in una pandeMia emotiva. L’esposizione artistico-documentativa – aperta al pubblico tutti i giorni fino all’11 dicembre, ad ingresso gratuito – racconta un viaggio introspettivo dal 2020 al 2022.

Le 63 foto esposte sono parte di una ricerca in case e memorie di due anni almeno, un’unità temporale variabile a seconda di quello che ciascuno ha sentito, per almeno due anni o anche soltanto per due minuti. La selezione tra gli oltre 3.000 scatti complessivi prodotti viene suddivisa in 6 sensazioni cardine, tante quante le pareti della galleria in via Torre della Catena 64: Chiaroscuri, Bianchi, Io-tutti, Orme, Circolare, Dono. Le immagini, di dimensioni diverse e volutamente prive di post produzione per mostrare lo sguardo nudo di chi è dietro l’obiettivo, sono state scelte seguendo un’assonanza di emozioni e associazioni cromatiche che confondono tempo e luogo, privilegiando il momento che tentano di ritrarre.

L’artista sannita Marco Victor Romano, commenta: “#apis+ oggi espone i frutti di un percorso formativo di oltre due anni, tempo che ha segnato tutti noi. Credo molto nel valore terapeutico dell’arte capace di dare sollievo, di far esprimere il proprio potenziale creativo che è in ognuno di noi e con il quale è possibile trovare una via d’uscita dalle situazioni più difficili e dall’inibizione che talvolta blocca l’animo artistico di ciascuno”.

La galleria-laboratorio #apis+ nasce lo scorso aprile con l’obiettivo di far convergere al proprio interno arte contemporanea, didattica e ricerca, con un metodo trasversale volto a far emergere punti di contatto tra le varie arti, per un bagaglio formativo solido e una nuova consapevolezza del sé artista.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
  • Articoli correlati

    Ultime notizie