Privacy Policy Il noir e le sue location: Mirko Zilahy alla terza giornata di Salernoir Festival - Sud Notizie
News
Il noir e le sue location: Mirko Zilahy alla terza giornata di Salernoir Festival

SALERNO – La terza giornata di Salernoir Festival le notti di Barliario affronta il tema del Noir e le sue location. Lo fa partendo dalle suggestioni che è in grado di scatenare un luogo che ha ospitato le riprese di molte pellicole cinematografiche di successo: Civita di Bagnoregio. E’ in quel borgo incantato, scelto da grandi registi come set di film, che si manifesta il ‘punto drammaturgico’ della vicenda narrata nel libro che sarà presentato domani, mercoledì 14 luglio, ore 19.30, nel Quadriportico del Duomo di Salerno: ‘L’uomo del bosco’, edito da Longanesi. A dialogare con l’autore, Mirko Zilahy, saranno la giornalista Cristina Marra e il fondatore e direttore di ‘Linea d’Ombra Salerno Film Festival’ Giuseppe D’Antonio.

Mirko Zilahy, nato a Roma nel 1974, ha conseguito un dottorato di ricerca internazionale presso il Trinity College di Dublino, dove ha insegnato Lingua e letteratura italiana. Collabora con il Corriere della Sera ed è stato editor per minimum fax, nonché traduttore letterario dall’inglese (ha tradotto, tra gli altri, il premio Pulitzer 2014 Il cardellino di Donna Tartt e il celebre bestseller Mystic River di Dennis Lehane). ‘È così che si uccide’, il romanzo con cui ha esordito nel 2016 facendo conoscere ai lettori il personaggio di Enrico Mancini, è stato un grande successo di pubblico e critica. Sono seguiti La forma del buio (2017) e Così crudele è la fine (2018) tutti editi da Longanesi.

SalerNoir Festival le notti di Barliario, giunto alla VII edizione, è organizzato dall’Associazione Porto delle Nebbie di Salerno con la collaborazione e il contributo della Fondazione Carisal, il patrocinio del Comune di Salerno. Nell’organizzazione della rassegna, che prevede altri quattro appuntamenti (15, 16 e 17 luglio, 4 agosto), la direttrice artistica Piera Carlomagno è affiancata da Rosanna Belladonna, direttrice organizzativa, Pina Masturzo, responsabile del progetto Scuole, Massimiliano Amato, ideatore e direttore del “Premio Attilio Veraldi” e da Gabriella Monetta, responsabile del progetto per la Fondazione Carisal.

In Tribuna Stampa, pronti a interrogare Mirko Zilahy, come sempre tre giornalisti dei quotidiani salernitani.

La novità di quest’anno è la collaborazione con la Luiss Summer School, che mette in palio una Borsa di Studio tra tutti gli studenti che avranno partecipato ad almeno una serata del Festival e che sono già stati selezionati, attraverso una comunicazione ufficiale alle scuole, dalla Fondazione Carisal.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie