News
Infortuni sul lavoro, Tortorelli (Uil): Preoccupano i dati del primo semestre

Sul tema degli infortuni sul lavoro e sui dati Inail relativi al primo semestre 2021, riceviamo e volentieri pubblichiamo un intervento di  Vincenzo Tortorelli, segretario regionale UIL Basilicata.

Gli infortuni sul lavoro continuano ad essere un’emergenza nella nostra regione e in tutto il Paese dove, secondo gli ultimi dati Inail, il primo semestre 2021 si è chiuso con quasi 22mila casi in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E se nel settore della sanità i numeri sembrano finalmente calare, grazie, soprattutto, all’efficacia della campagna vaccinale, non accade lo stesso in altri settori. Tra tutti le costruzioni con dati sugli infortuni mortali allarmanti: 51 dall’inizio di quest’anno. Una strage che ha segnato fortemente anche i cantieri lucani.

Quanto alle denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 in Basilicata sono aumentate di 17 casi (+1,9%), raggiungendo il numero di 922 dall’inizio della pandemia. L’andamento regionale dei contagi denunciati, come riferisce l’Inail, è analogo a quello nazionale ma ne differisce per intensità: inferiore alla media italiana in occasione della prima ondata, superiore sia nella seconda che nel prosieguo. I decessi nel periodo osservato ammontano a 2 casi: uno si riferisce a dicembre scorso e l’altro a marzo 2021. Le professioni: – tra i tecnici della salute l’83,3% sono infermieri, seguono fisioterapisti (4,3%), ostetriche (3,9%) e assistenti sanitari (3,2%); – tra le professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali: tutti operatori socio sanitari; – tra il personale non qualificato nei servizi di istruzione e sanitari: ausiliari ospedalieri e portantini; – tra i medici il 50% è composto da medici internisti, cardiologi, generici, geriatri e ortopedici; – tra gli impiegati, soprattutto amministrativi; – tra il personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, ristoranti, ecc., prevale personale dedicato alle pulizie di camere e di ospedali-ambulatori tra i conducenti spiccano quelli di autoambulanze. L’attività economica: – la gestione Industria e servizi registra il 93,3% delle denunce, seguono la gestione per Conto dello Stato (4,4%) e l’Agricoltura (2,3%); – il 65,4% delle denunce codificate per attività economica (Ateco) riguarda i settori della “Sanità e assistenza sociale” (47,3% delle denunce) e degli organi preposti alla sanità, come le Asl, dell'”Amministrazione pubblica” (18,1%); – le “Attività manifatturiere”, settore ampio e articolato, incidono per l’8,0%; – il “Noleggio e servizi alle imprese” (varie le professioni, anche di natura sanitaria) conta per il 7,1% così come il “Trasporto e magazzinaggio” (più colpiti i lavoratori dei servizi postali e di corriere).

Noi, come Organizzazioni sindacali, attraverso i nostri Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, continueremo a vigilare sull’osservanza degli obblighi in materia di salute e sicurezza e sul rispetto – non dimentichiamolo – dei protocolli anti-contagio, che devono continuare ad essere applicati in tutti i luoghi di lavoro. Continuiamo a sollecitare Regione, Asp e Asm ad intensificare campagna di tracciamento e ad accelerare campagna vaccinale tra i lavoratori.

Ci preoccupa sempre di più la situazione infortuni sul lavoro no Covid. Occorre agire e agire in fretta in vista della ripartenza a settembre prossimo.Lo diciamo da tempo e lo abbiamo ribadito anche nella piattaforma unitaria, sottoscritta qualche mese fa. Dobbiamo dare avvio a un coordinamento permanente tra l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) e le Aziende Sanitarie Locali (ASL), dobbiamo migliorare le verifiche ispettive in qualità, quantità e frequenza, anche attraverso finanziamenti e assunzioni. Deve essere garantito un confronto strutturato e continuo sugli assi di programmazione e intervento con le Parti sociali. Perché non possiamo più attendere oltre.

Chiediamo quindi al Ministro del Lavoro che dia seguito velocemente alla promessa fatta e che sia indetto in tempi rapidi il bando per l’assunzione dei 2100 ispettori e che si prevedano ulteriori assunzioni anche in Basilicata.

Vincenzo Tortorelli
Segretario regionale UIL Basilicata

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie