News
‘L’anima dei fiori’ di Matilde Serao rinasce con un progetto di Donatella Trotta

VICO EQUENSE (Na) – Nel segno di Matilde Serao la chiusura della quarta edizione della rassegna ‘Ubik vista mare’, autori alle Axidie di Marina d’Aequa, con la giornalista e autrice Donatella Trotta, curatrice, per le Edizioni Spartaco, di un progetto editoriale composto di 8 volumetti che ricostruisce per intero l’opera originaria ‘L’anima dei fiori’ della Serao, edita nel 1903 e da allora mai più ripubblicata. Nel corso della serata, moderata da Armida Parisi, ricostruite le magiche atmosfere create da Serao nelle sue pagine tra arte e letteratura, costume, botanica e linguaggio simbolico dei fiori, un elogio della civiltà della gentilezza che passa per l’anima ecologista ante litteram della scrittrice.

Una violetta appuntata all’occhiello di una giacca maschile. Un mazzolino tra esili mani di fanciulla. Una mentuccia con le radici avvolte in una foglia di cavolo che il contadinello vende dando voce per la piazza. Le rose esibite dall’aristocrazia. La penna di Matilde Serao trasforma il fascino dei fiori in prosa lirica, acquerelli dai colori delicati. E svela ancora una volta l’anima di una città, Napoli, dove l’indifferenza di una signora davanti alla vetrina di un fioraio stride di fronte ai versi che uno studente dedica alla giovinetta dirimpettaia, mentre innaffia le piantine nei cocci sul balcone. Ma la prospettiva è più ampia, lo sguardo rivolto alle grandi città italiane ed europee, alle case ingentilite anche solo da un fascio profumato, sapientemente assortito, che non sia né costretto né mortificato dall’odioso fil di ferro. Le stagioni sono così scandite da colori brillanti, aromi suadenti, emozioni affidate ai petali nascosti tra le pagine di un libro.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie