News
Lo shipping riconosciuto come settore transitorio nel pacchetto sulla finanza sostenibile

BRUXELLES – Il 21 aprile, la Commissione europea ha adottato un pacchetto sulla finanza sostenibile con l’obiettivo di migliorare il flusso di investimenti verso attività sostenibili e quindi utilizzare strumenti finanziari per rendere l’Europa climaticamente neutra entro il 2050. L’ECSA (l’Associazione degli armatori europei) accoglie con favore il fatto che l’industria marittima europea sia stata riconosciuta nell’ambito della tassonomia come settore transitorio. Tuttavia, l’ECSA sottolinea che, per guidare una efficace transizione, è fondamentale che i criteri di screening tecnico siano realistici e neutrali dal punto di vista tecnologico.

L’ECSA accoglie con favore il fatto che l’industria marittima sia stata riconosciuta come un settore “Transizionale” ai sensi dell’art 10 (2) del Regolamento sulla Tassonomia. “L’industria marittima europea si impegna a raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione e ambientali. Allo stesso tempo, essendo un’industria ad alta intensità di capitale in cui molte navi sono uniche nel loro genere, è anche fondamentale garantire l’accesso a soluzioni innovative e sostenibili, che possano guidare l’intera industria marittima verso un futuro più verde e sostenibile. Quindi il finanziamento della transizione è vitale.” ha dichiarato Martin Dorsman, segretario generale dell’ECSA.

Il Climate Delegated Act fornisce la prima serie di criteri tecnici per definire quali attività di trasporto marittimo contribuiscono in modo sostanziale alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici, i primi due dei sei obiettivi ambientali definiti dal regolamento sulla tassonomia (regolamento (UE) 2020/852).

L’ECSA rileva, tuttavia, che i criteri di screening tecnico per il trasporto marittimo al momento definiti nel Climate Delegate Act, sono troppo restrittivi, il che comporta il rischio di mettere in pericolo la transizione. Come afferma la comunicazione della Commissione, la tassonomia dell’Unione europea (Eu Taxonomy) attualmente non definisce come devono essere trattate le attività no-green.

In quest’ottica, l’ECSA accoglie con favore il chiarimento della Commissione europea secondo cui il EU Taxonomy Climate Delegated Act è un documento vigente, che sarà soggetto a regolari necessari aggiornamenti. “Oltre ai dettagli tecnici, ci sono tuttavia principi che dovrebbero essere elementi costitutivi nello sviluppo e nell’aggiornamento dei criteri di screening tecnico” ha aggiunto Martin Dorsman.

L’ECSA accoglie con favore l’impegno della Commissione a garantire che la tassonomia rimanga basata sulla scienza e neutrale dal punto di vista tecnologico. In base a questo principio, gli armatori europei trovano importante che i criteri di controllo tecnico rimangano coerenti lungo l’intera catena di approvvigionamento, il che richiede ulteriori miglioramenti. Un esempio è la coerenza tra le norme applicabili per la fabbricazione di una nave e l’operabilità della nave. Inoltre, quando si cerca di ridurre le emissioni e di migliorare altri obiettivi ambientali, l’industria marittima dipende anche da altre parti interessate (ad esempio costruttori navali, produttori di motori, catena di approvvigionamento di carburante, infrastrutture portuali). Occorre valutare attentamente anche se l’industria marittima abbia il potere di influenzare la transizione in conseguenza delle sue attività economiche. Dato che l’attività economica della navigazione è basata sull’asset-nave e dato che il carico che trasporta dipende dalla domanda e dall’offerta del mercato di stakeholders di altri settori industriali, considerare il carico come parte dell’attività marittima secondo la tassonomia marittima potrebbe portare a conseguenze impreviste e negative. “Sarebbe altamente controproducente e ingiusto penalizzare il finanziamento per l’industria marittima sulla base del carico trasportato. Oltre ad allontanare i finanziamenti per soluzioni innovative, ciò comporterebbe il rischio di accelerare un trasferimento modale inefficiente.

“Tutto ciò premesso, siamo a disposizione per contribuire con la nostra esperienza e continueremo a lavorare con i regolatori sui dettagli tecnici per garantire una transizione più fluida”, ha sottolineato Martin Dorsman.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie