News
Magna Graecia: il dossier a Conte, all’eurodeputata Ferrara e alla Bruni

CORIGLIANO ROSSANO (Cs) – Nelle ultime ore, sono state consegnate alcune copie dei Documenti/Report Programmatici, Politico – Amministrativo e Politico – Culturale al Presidente del M5S e già Primo Ministro, Giuseppe Conte, ed alla deputata UE, Laura Ferrara, ed alla candidata alla carica di Presidente della regione Calabria, Amalia Bruni.

Gli incontri, resosi possibili grazie all’interessamento dei Deputati, Elisabetta Barbuto e Massimo Misiti, già profondi conoscitori del Progetto Magna Graecia e più in generale del riequilibrio degli enti d’Area Vasta, si sono concretizzati nella città di Cosenza a margine dell’arrivo del già Premier e della Eurodeputata presso la piazza adibita a pubblico comizio per la circostanza e nella città di Lamezia Terme per quanto riguarda la consegna alla candidata alla carica di Presidente della Regione.

Ai deputati pentastellati, Elisabetta Barbuto e Massimo Misiti, il Comitato eprime doverosi ringraziamenti per essersi spesi, notevolmente, alla organizzazione e riuscita degli appuntamenti.

Così come in già avvenute similari circostanze, è stato ritenuto opportuno che la promozione e divulgazione di questi incontri venisse espletata dalla pagina istituzionale del Comitato dove, a corredo di alcune foto e un breve estratto video, sono stati immortalati alcuni momenti dello scambio di idee tra le Rappresentanze del Comitato e gli Attori Istituzionali incontrati riguardo le tematiche trattate all’interno dei Report.

Il Comitato intende, altresì, significare che gli argomenti affrontati nei Documenti, non sono segreti di Stato. Semplicemente, rappresentano una sintesi di tutte quelle tematiche che quotidianamente vengono analizzate sui nostri canali ufficiali a mezzo diffusione stampa con comunicati, note editoriali e note social. Tra l’altro i Documenti sono editabili al link www.magnagraecia.eu  e sono già stati accompagnati e divulgati a mezzo mail pec a diversi Leader politici e, gradualmente, saranno consegnati a tutti gli altri Referenti di Partito di tutto l’Arco Costituzionale, nonché a tutti i Commissari europei.

“Il nostro – sottolinea una nota del Comitato – è un progetto politico, culturale ed amministrativo di visione del territorio che combatte i centralismi ed i regionalismi deviati di cui la Calabria è vittima e carnefice al contempo. Dette piaghe, non colpiscono solo la nostra Regione, ma contaminano, senza soluzione di continuità, buona parte del territorio italiano. Pertanto, il progetto, risulta attuabile e replicabile in tantissime altre aree della Penisola. La nostra idea, partendo dallo Jonio, disegna una nuova Area Vasta, a saldo zero per lo Stato, con due Capoluoghi: Crotone a sud, Corigliano-Rossano a nord, nel piu ampio contesto della Baia Magnogreaca (una nuova area metropolitana che abbraccerebbe i territori interregionali da Capo Rizzuto a Leuca) e vuole essere propositiva affinché da qui si avvii un processo di riforme complessive di tutto l’apparato amministrativo in diverse altre aree italiane finalizzato ad un a profonda revisione del Sistema Calabria e del Sistema Stato. È per questo motivo che, a fianco l’opera di sensibilizzazione delle masse, gradualmente, renderemo partecipi del progetto tutti i Vertici delle formazioni politiche, civiche e di partito, nonché gli apparati burocratici italiani ed europei, prescindendo dalle casacche indossate”.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie