News
‘Nero Lucano’: con Piera Carlomagno nelle trame di una Basilicata profonda

SALERNO – Sarà nelle librerie giovedì 6 maggio il nuovo romanzo di Piera Carlomagno, ‘Nerlo Lucano’ edito da Solferino, un noir ambientato in una Basilicata profonda.

Sud e magia, il Sud e le sue donne, dai Sassi di Matera alla battaglia per l’ambiente contro il petrolio dei pozzi in Val d’Agri e le pale eoliche. Religione e anelito alla modernità nei paesini arcaici e ancora fermi a quando Carlo Levi li ha lasciati.

È in questo contesto invernale e inquietante, ma di stra­ordinario fascino tra tempeste e gravine, che si snoda la fitta trama gialla di ‘Nero Lucano’, la cui protagonista è Viola Guarino, l’anatomopatologa forense con fama di strega e nipote di cumma’ Menghina – Mariarìt per i materani – la lamentatrice funebre più famosa e meglio pagata della regione. Chiamata per un sopralluogo sulla scena di un delitto, Viola si trova di fronte a un uomo con la testa spaccata, letteralmente, in due. È un ingegnere di ori­gini lucane che da tempo abita al Nord, tornato al paese per affari.

Ma quali affari? La sua efficientissima segretaria – e forse amante – ne ha perso per ore le tracce proprio alla vigilia di un accordo milionario. E la moglie Leda, che detesta la Basilica­ta, si mostra vaga fino al punto di risultare sospetta. Le fin troppo sensibili «antenne» di Viola colgono una tensione erotica più tor­bida rispetto a un semplice triangolo extraconiugale. O forse si sta lasciando influenzare dal ritorno del sosti­tuto procuratore Loris Ferrara, irresistibile e sfuggente come il giorno in cui si sono incontrati? Prima che riesca a fare ordine tra prove, intuizioni e sentimenti, però, si sco­pre un nuovo cadavere. C’è stata un’altra vittima, prima dell’ingegnere. L’assassino firma i suoi crimini seminando al suo pas­saggio tracce che non lasciano dubbi sul fatto che colpirà ancora. Sarà una corsa contro il tempo sulle tracce di un killer implacabile.

L’universo femminile domina questo romanzo in cui sulle donne del Sud aleggia il destino delle streghe della tradizione folkloristica. Spaventano se escono dagli schemi o se seguono il proprio istinto, e provocano paura e diffidenza negli altri. Come Viola, si portano dentro dolore estremo, e profondi sensi di colpa, ma conoscono la fatica, sanno sopportare pesi incredibili sulla testa come gli asini e troppo spesso vivono all’ombra dei loro uomini.

Piera Carlomagno, giornalista professionista, con l’ul­timo romanzo ‘Una favolosa estate di mor­te’, edito da Rizzoli, ha vinto il Premio Romiti di ‘Ombre’, sezione Emergenti, al Caffeina Festival di Viterbo. È direttrice artistica del SalerNoir Festival che nell’estate del 2021 giunge alla settima edizione. È laureata in cinese e ha tradotto un’opera teatrale del Premio Nobel Gao Xingjian.

Nero Lucano
di Piera Carlomagno
Solferino, 2021
pagg. 352 – euro 18,00 

 

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie