Privacy Policy In oltre 14.000 per le opere in terracotta di Marcello Aversa a Villa Fiorentino – Sud Notizie
dai valore
alla tua attività
infopubblicità
dai valore
alla tua attività
infopubblicità
News

[rank_math_breadcrumb]

In oltre 14.000 per le opere in terracotta di Marcello Aversa a Villa Fiorentino

SORRENTO (Na) – Ultimi giorni per visitare la mostra “Terra viva” allestita presso la Villa Fiorentino in occasione dei primi 25 anni di attività del maestro della terracotta Marcello Aversa. Esposizione voluta dalla Fondazione Sorrento che l’ha patrocinata insieme al Comune. Kermesse che gode anche dei patrocini scientifici della Università Federico II di Napoli e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Proprio nel capoluogo lombardo, all’interno del chiostro del Bramante e nella cappella del Sacro Cuore, sono esposte in contemporanea, ma fino al 22 febbraio, altre sette opere di Marcello Aversa.

L’evento di Sorrento, invece, chiuderà i battenti domenica prossima. Mostra che ha riscosso un inatteso successo considerando le restrizioni ancora in vigore. Fino ad oggi, a Villa Fiorentino, si contano circa 14.000 visitatori del percorso realizzato ad arte dal curatore, Antonino Di Maio, che racconta i primi 25 anni di attività del ceramista.
Presso la sede della Fondazione Sorrento è possibile ammirare ottanta opere, la maggior parte delle quali messe a disposizione da collezionisti privati, esposte in sette sale, ognuna con un tema diverso.

Dai primi presepi, realizzati secondo la tradizione classica, all’opera “Oltre”, che ha preso forma in occasione del ventennale dalla strage delle Torri Gemelle di New York, passando da Lux Familiae, opera presentata a Papa Francesco nel corso del Sinodo della Famiglia tenutosi in Vaticano nel 2015, senza trascurare i riti e le tradizioni della penisola sorrentina come le processioni della Settimana Santa e la raccolta delle arance e delle olive.

Tutto questo legato dal racconto dello stesso maestro e da tante testimonianze di personaggi conosciuti in questi anni, tra le quali quelle di Paolo Jorio, Lourdes Vaquero, Alberto Cavalli, Giovanni Gazzaneo, Thierry Morel, Angelo Scola, Crescenzio Sepe, Angelo Bagnasco e tanti altri che scorrono sugli schermi posizionati nella Villa.

Un evento che ha calamitato l’attenzione degli appassionati e non solo. Stando alle reazioni l’opera che in queste settimane ha riscosso il successo maggiore tra i visitatori è, senza ombra di dubbio: “Oltre”. Una maestosa installazione che, seppur restando nel solco della tradizione, ha forme molto più evolute. Un albero della vita realizzato su una trave contorta in finto ferro, attorniato da oltre mille rose in terraglia bianca e abbracciato da un idrante che, oltre a rappresentare una fonte di vita quale è l’acqua, ricorda il sacrificio dei tanti vigili del fuoco che persero la vita eroicamente l’11 settembre 2001. È proprio al dipartimento dei pompieri ed a New York che il ceramista ha dedicato l’opera che sarà donata alla città statunitense.

“Ringrazio la Fondazione Sorrento che ha voluto questo evento – sottolinea Marcello Aversa -. Una mostra che mi ha permesso di ripercorrere un lungo tratto del mio viaggio. “Terra viva” non vuole essere una autocelebrazione per ricevere auguri o raccogliere consensi, ma un traguardo che mi induce a porre un punto fermo dal quale ripartire con nuove energie e nuove idee”.

“La mostra “Terra viva” di Marcello Aversa a Villa Fiorentino ha riscosso uno straordinario successo di pubblico e di gradimento – evidenzia l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano -. È il territorio che, attraverso un suo artigiano, si propone ai suoi visitatori. Un modo per riaffermare una identità fatta di tradizione, di manualità, di valori. Un progetto di Fondazione Sorrento che attraverso Marcello ha trovato una sua attuazione è che continuerà anche nel periodo a venire. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato e partecipato”.

La mostra potrà essere visitata fino al 30 gennaio 2022 con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20; sabato e domenica fino alle 21.

Ingresso gratuito ma consentito solo ai possessori di Green pass rafforzato.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
  • Articoli correlati

    Ultime notizie