Privacy Policy Ordine Medici Caserta: Le Commissioni riprendono il lavoro in presenza - Sud Notizie
News
Ordine Medici Caserta: Le Commissioni riprendono il lavoro in presenza

CASERTA – «Alcune attività ordinistiche, seppur non interrotte, avevano subito un rallentamento negli ultimi anni per l’emergenza sanitaria». Così la presidente dell’Ordine dei Medici di Caserta Maria Erminia Bottiglieri, che spiega: «In particolare le numerose commissioni, che da sempre sono state una caratteristica dell’Ente con grande partecipazione dei componenti e una cospicua produttività, non si erano più riunite per i problemi noti, se non sotto forma di gruppi di lavoro. L’Ordine di Caserta sta riprendendo le riunioni in presenza delle commissioni, di cui fanno parte tanti colleghi che possono sottoporre alla nostra attenzione esigenze e necessità. E con il loro prezioso contributo ci aiutano ad affrontare problematiche comuni”.

Hanno già iniziato il loro lavoro la Commissione Giovani Professionisti, guidata da Emanuele Spina, con tanti giovani medici molto attivi. La Commissione ECM guidata da Carmelina Marsicano dedicata alla formazione che sta già programmando eventi formativi oltre che aggiornare gli iscritti sulle modalità per l’acquisizione dei crediti. La Commissione Ambiente, Salute e Prevenzione guidata da Alessandra Sicignano.

Non ha mai interrotto il lavoro la Commissione Area Comunicazione guidata da Raffaele Corvino. A breve completeranno l’insediamento la Commissione per l’Emergenza territoriale, guidata da Roberto Mannella, quella per la Tutela Medico Legale, Etica, Deontologica e Bioetica, guidata da Omero Pinto, la Commissione Osservatorio Professione Medica e Odontoiatrica al Femminile, guidata da Anna Tarabuso, e la Commissione Sanità Privata e Pubblicità Sanitaria, guidata da Carlo Manzi.

La presidente Bottiglieri poi aggiunge: «La Commissione Ambiente, Salute e Prevenzione collabora con la ASL Caserta per la sensibilizzazione dei cittadini nei confronti degli screening per i tumori della cervice, colon retto e mammella. La pandemia ha determinato uno stop agli esami per la prevenzione, con aumento dei casi di tumore in fase avanzata e, quindi, riduzione della sopravvivenza per cancro, con aumento della mortalità. Nonostante gli sforzi degli operatori impegnati nella organizzazione e diffusione della cultura della prevenzione, i cittadini non partecipano in maniera attiva e non si sottopongono a esami che sono offerti in maniera gratuita e con percorso dedicato, senza liste di attesa. L’Ordine di Caserta è sempre stato attivo su questa problematica supportando tutte le iniziative intraprese in tal senso e partecipando a manifestazioni dedicate alla prevenzione, ma anche organizzandole. Coinvolgeremo i medici di medicina generale che hanno un ruolo chiave in questo percorso di educazione e sensibilizzazione. La Commissione Medicina Territoriale, guidata da Pietro Lo Greco, con il sostegno di Agostino Greco, fornirà il suo indispensabile contributo. Abbiamo già intrapreso accordi con il Comune di Caserta, partecipando al tavolo tecnico per la salute, e con le scuole, oltre che con i club service che ci aiuteranno. Non c’è tempo, se vogliamo salvare vite. Due anni di emergenza sanitaria per il Covid stanno creando o meglio stanno aggravando un’altra emergenza, che nel nostro territorio era già presente, quella della mortalità per tumori diagnosticati tardivamente».

Quindi, conclude la presidente: «Sono certa che con l’impegno di tutti si riuscirà a superare questa indecisione e i cittadini della provincia di Caserta capiranno che la diagnosi precoce salva la vita».

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
  • Articoli correlati

    Ultime notizie