Padri separati: una panchina azzurra per promuovere la parità genitoriale

CASERTA – “Padri separati, ma non dal mondo”: questo lo slogan che ha accompagnato l’inaugurazione di una panchina azzurra in piazza Cattaneo, che ha l’obiettivo di promuovere la parità genitoriale e di sostenere i padri separati che vivono situazioni di difficoltà. Stamani è stata presentata quest’iniziativa, che ha visto impegnati il Comune di Caserta e l’Associazione “Differentemente APS”, cogliendo l’occasione per celebrare anche la Festa del Papà. Presenti in piazza Cattaneo il Sindaco, Carlo Marino, l’Assessora alle Pari Opportunità, Emilianna Credentino, l’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Enzo Battarra, l’Assessora al Patrimonio e agli Affari Generali, Annamaria Sadutto, il consigliere Giovanni Comunale e la Presidente dell’Associazione “Differentemente APS”, Francesca Della Ratta.

L’iniziativa giunge a seguito dell’approvazione di una delibera di Giunta, avvenuta lo scorso 3 marzo, con la quale viene annunciata la stipula di un protocollo d’intesa tra il Comune di Caserta e l’Associazione “Differentemente APS”, realtà che si occupa della tutela dei diritti umani, delle libertà fondamentali della persona e del principio di uguaglianza, garantendo tutela e assistenza alle persone con fragilità e/o a coloro che hanno subito discriminazioni di qualsiasi tipo. Tale accordo prevede che venga istituito, presso la sede del Comune, uno sportello di ascolto e consulenza legale e psicologica a favore dei padri separati a cura dell’Associazione

“Differentemente APS”, che metterà a disposizione il proprio staff di esperti per coordinare gli operatori e i professionisti volontari. Lo sportello avrà le seguenti finalità: accogliere, informare, sostenere, salvaguardare l’educazione dei figli, accompagnare il padre nel recupero del rapporto genitoriale, aiutare i padri separati a vivere la propria paternità con consapevolezza, impegno e partecipazione responsabile. I servizi offerti saranno quelli di assistenza e consulenza psicologica, assistenza legale (civile e penale), mediazione familiare, mediazione culturale, orientamento al lavoro.

Ad oggi, le problematiche che coinvolgono i padri separati o divorziati in Italia sono spesso portate all’attenzione con fatti di cronaca che evidenziano situazioni di estrema difficoltà, con padri costretti a vivere in situazioni di grave disagio economico e con forti limitazioni alla genitorialità. L’obiettivo dello sportello è proprio quello di fornire un sostegno concreto a queste persone.

“Mettere insieme persone che hanno difficoltà, al di là del tema specifico, e stare al loro fianco – ha dichiarato il Sindaco di Caserta, Carlo Marino – è un impegno dell’Amministrazione. Oggi parliamo del contributo che le istituzioni possono dare ai padri separati, alle prese con le problematiche che sorgono nel rapporto con i figli e con le complicazioni legate a una separazione. Più in generale, intendiamo promuovere sempre il tema delle pari opportunità, della parità di genere, nonché una visione neutra del rapporto uomo-donna”.

“Negli ultimi anni – ha spiegato l’Assessora alle Pari Opportunità, Emilianna Credentino – le problematiche che riguardano i padri separati o divorziati sono in costante aumento, con situazioni molto complicate che spesso comportano la lontananza forzata dai figli e un sensibile peggioramento delle condizioni economiche e sociali. Crediamo che, attraverso il protocollo d’intesa con l’Associazione ‘Differentemente APS’, riusciremo a fornire un aiuto concreto ai padri che vivono queste gravi difficoltà”.

“Lo slogan di questa iniziativa ‘Padri separati, ma non dal mondo’ – ha aggiunto l’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Enzo Battarra – spiega alla perfezione l’obiettivo che questa Amministrazione si pone, ovvero far sentire la propria vicinanza in maniera fattiva ai padri separati, dando sostegno attraverso azioni di grande rilievo. Il nostro scopo è quello di accendere i riflettori su un tema che troppo spesso è stato trascurato, ma che invece è molto sentito da tante persone”.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO

Articoli correlati

Ultime notizie