News
‘Procida. Gente, culture e cucina’, cibi e gusti per raccontare la storia di un popolo

PROCIDA )NA) Domenica 25 luglio ore 11.00 nella sala conferenza dell’Hotel La Vigna di Procida è stato presentato il libro ‘Procida. Gente, culture e cucina’. Influenze culturali che si legano in un mix esclusivo, la storia di un popolo che va al di là del semplice libro di cucina.

Nel corso dell’incontro, moderato dal giornalista Gianni Ambrosino direttore editoriale del Tg di canale 21, è intervenuto con i curatori Anna Russolillo, Rosario Mattera e Leonardo Costagliola, il sindaco di Procida Raimondo Ambrosino.

Non un libro sui piatti della tradizione Procidana. Non solo storie di chef, custodi e innovatori della cucina locale: a ‘Procida. Gente, culture e cucina’ hanno collaborato studiosi di storia e antropologia di pari passo con esperti di vulcanologia, botanica, biologia marina, archeologia, cinema e letteratura, ribadendo a ogni passo l’approccio pluri e multidisciplinare che è alla base dell’opera.

L’isola di Procida è così l’indiscussa protagonista del secondo volume della Collana Studi ‘Gente, culture e cucina’, edito da Villaggio Letterario, nata per valorizzare le tradizioni del Sud. Vasto il numero dei contributi: l’Isola alveare di Annamaria Amitrano; la Cucina di terra e mare di Gea Palumbo; Quel delicato retrogusto di basalti e pomici di Lisetta Giacomelli e Franco Foresta Martin; le Piante commestibili di Michele Scotto di Cesare; la Cucina preistorica di Anna Russolillo; il cibo nella storia di Raffaella Salvemini; il Regno di Nettuno di Francesco Cinelli; la Pesca di Ciro Biondi; la Nutraceutica di Aldo Messina; le Specialità di Leonardo Costagliola; i Misteri di Lucia Vincenti; la Cucina di chef procidani di Anna Paparone; la Pietra di Centane di Barbara Festa e Gea Palumbo; la Luvanda di Tommaso Luongo; e tanti altri.

Prefazione di Luciano Pignataro. Ricette procidane e degli chef Marco Ambrosino, Carlo Coscione e Pio Lauro; altre raccolte dai bambini dell’Istituto Comprensivo Capraro di Procida. Con opere di Nico Granito e foto di Aniello Intartaglia, Vittorio Sciosia e del Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie