News
Volotea finanzia i lavori di riqualificazione dell’area di accesso al MANN

NAPOLI –  Volotea, la compagnia aerea low-cost che collega tra loro città di medie dimensioni e capitali europee, investe nuovamente a livello locale e scende in pista a supporto della cultura e dell’arte campana, finanziando la riqualificazione dell’area di accesso al Museo Archeologico Nazionale di Napoli da piazza Cavour e la creazione di un’area kids-friendly all’interno del’Atrio. Grazie alla sponsorship della low cost, verrà sottolineato il legame identitario tra il MANN e la città, immaginando un percorso di accesso al Museo da realizzare in un’ottica green: nell’area esterna interessata dai lavori sarà allestito un punto di accoglienza per i visitatori e di sosta per tutti i cittadini. Panchine, fioriere, stalli per biciclette e colonnine di ricarica per e-bike si configureranno come tappa di un itinerario ideale, che porterà a conoscere i tesori del Museo, potendo anche fermarsi a pianificare il proprio percorso di visita alle eccellenze del territorio. Non soltanto, dunque, uno spazio per ritrovarsi, ma anche un invito a adottare forme di mobilità sostenibile.

Esterno e non solo: il contributo di Volotea sarà anche destinato alle famiglie ed ai più piccoli, con la realizzazione di un corner kids, nell’Atrio che, dalla prossima primavera, secondo la programmazione strategica del Museo, sarà aperto al pubblico senza biglietto.

“Siamo particolarmente felici nel presentare la collaborazione tra il MANN e una realtà internazionale come Volotea, dal fortissimo dinamismo e dalla grande sensibilità verso l’arte e la bellezza dei territori dove opera, radicandosi con sempre maggiori e riconosciuti successi – commenta il Direttore del Museo, Paolo Giulierini -. L’incontro tra il MANN e Volotea scrive una pagina originale nei rapporti di sponsorizzazione dei beni culturali grazie ad un progetto che abbina accoglienza e servizi in linea con la strategia di un Museo sempre più aperto alla città. In un momento di ripresa per il turismo, che vede il ritorno dei visitatori italiani e stranieri, l’annuncio di questa prestigiosa partnership porta con sé un messaggio di grande ottimismo per tutto il nostro ‘quartiere della cultura’. Anche il Mann, quale ambasciatore dell’identità italiana ed europea, con le sue opere vola costantemente nel mondo, e dalla ripresa del trasporto aereo attende il contributo indispensabile per il ritorno del suo pubblico, che è, appunto, mondiale. Ricordiamo che Napoli Capodichino è stato nel 2017 il primo aeroporto archeologico allestito con capolavori del MANN e che con Gesac abbiamo diffuso nello scalo video d’autore e mostre, nell’ambito del nostro progetto universitario Obvia di disseminazione dell’arte. Possiamo dire quindi che questo gemellaggio era nell’aria e che le nostre visioni erano destinate ad incontrarsi per mettere insieme nuove idee e opportunità. Grazie a Volotea, siamo certi che insieme faremo un bellissimo viaggio”.

Volotea riconferma così il suo impegno nel sostenere il tessuto economico regionale e della città, dove ha inaugurato nel 2020 una delle sue basi operative, sponsorizzando un progetto di rigenerazione innovativo, green e socialmente inclusivo, che punta ad ampliare gli spazi a libero accesso, in un’ottica di integrazione tra la città e il suo ricchissimo patrimonio artistico, contribuendo a rendere il MANN un vero e proprio “museo aperto” a disposizione di cittadini e turisti.

“Siamo onorati ed entusiasti di poter finanziare un progetto così importante, che avvicinerà ulteriormente uno dei più antichi e prestigiosi musei archeologici in Italia al suo pubblico – dichiara Valeria Rebasti, Country Manager Italy & Southeastern Europe di Volotea -. Rigenerando alcune aree comuni del MANN, vogliamo ringraziare tutti i passeggeri campani che hanno scelto, e continuano a scegliere, i nostri voli, regalando loro uno spazio fruibile da tutti. Nei piani di sviluppo di Volotea, è fondamentale rafforzare gli investimenti a livello locale, offrendo al contempo un ventaglio di collegamenti sempre più ampio da e per Napoli. Siamo certi che la collaborazione con il Museo diventerà un volano capace di guidare la ripresa del turismo incoming, potenziando ulteriormente il polo attrattivo di Napoli, sede di uno dei patrimoni artistici più importanti al mondo”.

Volotea, da sempre attenta a promuovere, tutelare e valorizzare le bellezze artistiche delle città italiane, non è nuova a questo tipo di iniziative: in passato, infatti, si è fatta carico del restauro della balconata sansoviniana di Palazzo Ducale a Venezia, in Liguria ha riportato all’antico splendore l’altare dogale, dove è custodita la statua de “La Madonna Regina di Genova”, mentre a Palermo la compagnia ha sostenuto il restauro dello storico sipario del Teatro Massimo. Poche settimane fa, infine, Volotea ha lanciato #Volotea4Veneto, un’iniziativa nata per sostenere la cultura e l’arte del territorio.

L’accordo di sponsorizzazione è stato curato, in particolare, da alcuni uffici del Museo: l’Ufficio Tecnico (Responsabile: Amanda Piezzo), i Servizi Educativi (Responsabile: Lucia Emilio), l’Ufficio Comunicazione (Responsabile: Antonella Carlo) ed il Segretario Amministrativo (Stefania Saviano); l’architetto Silvia Neri ha realizzato il progetto di riqualificazione dell’area esterna.
La partnership consolida ulteriormente i rapporti tra la compagnia e l’aeroporto di Napoli, dove la low-cost ha recentemente annunciato di aver basato 2 Airbus A320, configurati con 180 posti. Questo ha permesso di aumentare il volume di posti in vendita, ben 639.000 per il 2021 e consentirà, in futuro, di raggiungere destinazioni ancora più lontane. Al Capodichino, quest’anno Volotea scende in pista con un’offerta di 3.650 voli e garantisce, per la Summer’21, 20 rotte da e verso lo scalo campano, 11 domestiche (Alghero, Cagliari, Catania, Genova, Lampedusa – novità 2021 –, Olbia, Palermo, Torino, Trieste, Venezia e Verona) e 9 internazionali (Nantes in Francia, Cefalonia, Creta, Mykonos, Preveza Lefkada, Rodi, Santorini, Skiathos e Zante in Grecia). Da settembre 2021 sarà inoltre possibile decollare anche alla volta di Bordeaux, Marsiglia e Tolosa.

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie