News
Claretta, storia della donna che non morì per amore di Mussolini

Di lei hanno detto di tutto: che era una ragazza semplice e un po’ folle; che fu il suo amore cieco per Mussolini (da cui la separava una differenza d’età di quasi trent’anni) a condurla alla morte; che era una fanatica esaltata; che era tanto bella quanto insidiosa. Ma si tratta di una Storia scritta dagli uomini.

Mirella Serri, saggista e giornalista italiana, docente di Letteratura e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma, nel suo recente libro “Claretta l’hitleriana – Storia della donna che non morì per amore di Mussolini”, offre un’immagine differente, restituendo a Claretta Petacci il vero ruolo politico da lei giocato sullo scenario degli eventi che condussero il leader del partito fascista dalla gloria indiscussa alla sconfitta. Non una sciocca, non soltanto una delle “mantenute di Stato” – le amanti del Duce che percepivano uno stipendio dal regime – ma un’abile e astuta calcolatrice.

Pronta ad avvalersi delle informazioni riservate di cui era depositaria per gestire attività ad altissimo livello (antisemita convinta diede il suo apporto al traffico di certificati falsi da vendere alle famiglie ebree più facoltose; cercò di avviare accordi per l’estrazione di petrolio in Romania), avveduta e intrigante, a Salò sposò la causa del Reich e tentò di porsi come diretta interlocutrice di Hitler.

Claretta Petacci, una delle protagoniste del Novecento, emblema femminile del volto buio e tragico del secolo passato, rivive in queste pagine con la sua avidità, i suoi errori, la sua sensualità e le sue astuzie, finalmente libera dagli stereotipi con cui è stata finora raccontata.

L’Autrice

Mirella Serri, docente di Letteratura e giornalismo all’Università La Sapienza di Roma, ha dedicato numerosi saggi ai maggiori scrittori contemporanei:la sua attività accademica verte su autori quali Carlo Dossi, Luigi Pirandello, Italo Svevo, Sibilla Aleramo, Elio Vittorini, Giaime Pintor, Eugenio Montale, Guido Gozzano.

Ha pubblicato Carlo Dossi e il racconto; Storie di spie. Saggi sul Novecento in letteratura; ha partecipato ai volumi collettivi: Il Novecento delle italiane; Amorosi assassinii. Storie di violenze sulle donne. Ha curato il Doppio diario.1936-1943 di Giaime Pintor.

I suoi ultimi libri: Il breve viaggio. Giaime Pintor nella Weimar nazista (premio Capalbio e premio Salvatore Valitutti) e I redenti. Gli intellettuali che vissero due volte. 1938-1948, (premio letterario internazionale Isola d’Elba-Raffaello Brignetti, premio Alessandro Tassoni, premio Vladimir Nabokov, premio Ninfa Galatea-Lido dei Ciclopi).

Ha realizzato trasmissioni culturali per la tv. Collabora a L’Espresso, La Stampa, Ttl, Corriere della Sera-Magazine.

Claretta l’hitleriana.
Storia della donna che non morì per amore di Mussolini
di Mirella Serri
Longanesi, 2021
pagine: 300 – 18,05 €

CONDIVIDI L’ ARTICOLO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
  • Articoli correlati

    Ultime notizie